• RSS
  • youtube
Home  -  Archivio  -  Grandi ospedali, neurochirurgia

Grandi ospedali, neurochirurgia

Nuove attrezzature hanno rivoluzionato le tecniche d'intervento sul cervello. Per eliminare tumori, lenire il dolore e controllare i sintomi del Parkinson.

I primi 10

1- Milano, Istituto neurologico Carlo Besta

2- Verona, Ospedale civile Borgo Trento

3- Roma, Policlinico universitario Agostino Gemelli

4- Pisa, Azienda ospedaliera Spedali riuniti Santa Chiara

5- Roma, Azienda Policlinico Umberto I

6- Bologna, Ospedale Bellaria

7- Napoli, Azienda ospedaliera A. Cardarelli

8- Treviso, Presidio ospedaliero Ca' Foncello

9- Novara, Azienda ospedaliera maggiore Della Carità

10- Milano, Azienda ospedaliera Niguarda Ca' Granda

Gli altri ospedali

La neurochirurgia di eccellenza si deve anche alle macchine: in questa specialità più che in altre, oltre alla perizia del chirurgo, conta l'attrezzatura di cui il reparto è dotato. La maggior parte delle strutture segnalate utilizza, per esempio, la stereotassi, metodo che ha rivoluzionato l'approccio alle lesioni del sistema nervoso centrale. «È una sorta di casco che, combinato a tecniche di neuroimmagine, consente di individuare con estrema precisione le aree da asportare o su cui intervenire» spiega Antonio Collice, responsabile del Dipartimento di neuroscienze dell'ospedale Niguarda Ca' Granda di Milano, che ospita, oltre alla neurochirurgia classica orientata soprattutto all'area vascolare, un centro avanzato di chirurgia dell'epilessia e del Parkinson.

La stereotassi viene utilizzata anche nella chirurgia oncologica del cervello, che costituisce un filone di interventi particolarmente delicato. In questo caso le apparecchiature a disposizione possono caratterizzare l'attività di un centro, come accade al San Raffaele di Milano, che possiede il Gamma knife, sistema che utilizza i raggi gamma per «bruciare» la massa tumorale all'interno della scatola cranica, senza aprirla. È un metodo utilizzato anche per la cura delle metastasi cerebrali.

Da segnalare il recente sviluppo anche in Italia della cosiddetta neurochirurgia funzionale, che tenta di porre rimedio alle malattie degenerative del cervello o di interrompere i circuiti del dolore nelle malattie croniche. Grandi progressi in questo campo si sono fatti nella neurochirurgia del Parkinson, che utilizza elettrostimolatori intracerebrali. Sta diventando inoltre una sorta di specialità a sé stante la neurochirurgia dei vasi cerebrali, così come la chirurgia del midollo spinale e della colonna, con centri di riferimento a esse dedicati. Infine, la distribuzione delle eccellenze non dimentica il Sud, che vede segnalati dall'indagine Ispo alcuni validi centri in questa specialità.(segue)  ISTITUTO NEUROLOGICO CARLO BESTA

Via Celoria 11, 20133 Milano

Indice di reputazione: 100Voto: 8,63*

Tel. centralino 0223941

Tel. urp 0223942292

Fax 0270638217

Email urp urp@istituto-besta.it

www.istituto-besta.it

Come si arriva: dalla stazione Centrale e dalla stazione Cadorna: metropolitana linea 2 (verde), fermata Piola. Dalla stazione Lambrate: filobus linea 93, fermata Ponzio-Celoria.

Eccellenza

Neurochirurgia funzionale o di neuromodulazione: impianto di neurostimolatori o neuromodulatori per curare casi selezionati di Parkinson e psicosi gravi. Stimolazione del nervo frenico per restituire la respirazione spontanea ai pazienti tetraplegici con paralisi del diaframma. Chirurgia dell'epilessia, dei tumori del sistema nervoso, delle malformazioni vascolari, chirurgia del dolore cronico non oncologico, radiochirurgia, chirurgia degenerativa spinale, neurochirurgia pediatrica, chirurgia del sistema nervoso periferico.

Appuntamenti per visite

È possibile prenotare le visite convenzionate al numero 0270631911. Si effettuano dal lunedì al venerdì a partire dalle 8.30. Il tempo di attesa può essere anche di un mese. In caso di urgenze l'attesa non supera le 72 ore.

Per le visite intramoenia si deve invece telefonare allo 0270632303. Il tempo di attesa varia a seconda della disponibilità dei medici.

Le visite si effettuano dal lunedì al venerdì a partire dalle 16. Si può anche prenotare presso il centro. Tutte le prenotazioni (telefoniche o allo sportello) si effettuano dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 13 alle 15. Il costo delle visite va da 100 a 150 euro.

Ricoveri

Il ricovero è deciso da un medico specialista dell'istituto dopo una visita ambulatoriale o dopo consultazione diretta di un medico esterno.

Per i ricoveri a carico del Servizio sanitario nazionale si deve telefonare al numero  0223942316 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30. Per i ricoveri a pagamento bisogna rivolgersi all'ufficio accettazione solventi. Telefono e fax  0223942497 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 14.30 alle 15.30

Degenza

Ci sono 66 letti di degenza, 39 nel reparto pediatrico, 15 di day ospital. E 10 letti per i pazienti a pagamento. Tutte le camere hanno l'aria condizionata. È presente uno psicologo che segue il malato durante la degenza. Ed è previsto il servizio di interpreti per i pazienti stranieri.

Responsabili

Neurochirurgia I: Sergio Giombini, 59 anni, specializzato in microchirurgia applicata alla neurochirurgia, in patologie quali lesioni tumorali benigne dell'encefalo e del midollo spinale, in particolare della base cranica anteriore e della fossa cranica posteriore; in malattie vascolari malformative e acquisite sia dell'encefalo sia del midollo spinale; in patologia degenerativa della colonna e neurochirurgia pediatrica.

Neurochirurgia II: Lazzaro Solero, 60 anni. Specialista del trattamento chirurgico delle neoplasie ad alto rischio (tumori basicranio anteriore, gliomi sistema nervoso centrale, tumori dell'ipofisi, idrocefalo). Consulente neurochirurgico dell'Istituto nazionale dei tumori, Istituto ortopedico Gaetano Pini e Istituto  europeo di oncologia (Ieo).

Neurochirurgia III: Giovanni Broggi, 64 anni, direttore del dipartimento di neurochirurgia dal 1999. È vicepresidente della European society of stereotactic and functional neurosurgery.

Anestesia e rianimazione: Dario Caldiroli, 54 anni, è membro della European society of anesthesiology, dell'American society of anesthesiology e dell'Association of anesthesia clinical directors americana.

Radioterapia: Laura Fariselli, 46 anni, si occupa dal 1986 della sperimentazione di protocolli non convenzionali di radioterapia nei tumori primitivi ad alto grado di malignità dell'encefalo.

Equipe

Neurochirurgia I: Stefano Brock, Alberto Cusin, Sandro Londrini, Marco Saini, Carlo Todaro.

Neurochirurgia II: Francesco Di Meco, Giovanni Lasio, Laura Valentin, Sergio Visintini.

Neurochirurgia III: Angelo Franzini, Ivano Dones, Paolo Ferroli, Carlo Marras, Marco Sinisi.

Anestesia e rianimazione: Carlo Ferrazza, Bruno Regi, Franco Consonni, Paolo Cortellazzi, Giovanni D'Onofrio, Roberto Marchesi, Monica Bricchi, Carola Broggi, Adriana Scarmigli, Laura Grandi, Enrica Buzzone, Amalia Scola.

Radioterapia: Ida Maddalena Milanesi.

Note

L'istituto dispone di quattro sale operatorie attrezzate con sofisticate tecnologie e riservate esclusivamente alla neurochirurgia. Sono dotate di tavoli operatori dedicati, microscopi operatori che permettono l'utilizzo di fluoroscopi a infrarossi di diverso tipo, coagulatori mono e bipolari, aspiratore a ultrasuoni, sistemi di neuronavigazione a tracking ottico e magnetico tridimensionale, oltre alla normale attrezzatura chirurgica. Nel blocco operatorio è anche presente un tomografo computerizzato per l'utilizzo intra e postoperatorio.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) OSPEDALE CIV. MAGGIORE BORGO TRENTO

Piazzale Aristide Stefani 1, 37126 Verona

Indice di reputazione: 64,3Voto: 8,47*

Tel. centralino 0458071111

Tel. urp 0458072178

Fax 0458073430

Email urp urp.ocm@mail.azosp.vr.it

www.ospedaliverona.it

Come ci si arriva: dalla stazione ferroviaria di Porta Nuova con l'autobus 21, 22, 23, 24 e 41 (al mattino) e 90, 93, 94, 95, 96 e 97 (in orario serale).

Eccellenza

Principale indirizzo operativo dell'équipe diretta da Sergio Turazzi è la chirurgia neuroncologica che costituisce una quota significativa dei circa 3 mila interventi che si effettuano ogni anno nel dipartimento. Il centro dispone di supporti tecnologici di avanguardia: il blocco operatorio è dotato sia di un neuronavigatore, che consente di localizzare con precisione le zone cerebrali in cui si sta operando, sia di sistemi di monitoraggio neurofisiologico che possono mappare in tempo reale le aree cerebrali più critiche, identificandole per il neurochirurgo e consentendogli di non danneggiarle. Di recente sono stati effettuati anche interventi di «awake surgery» (a paziente sveglio).

L'Unità operativa di neuroradiologia si è specializzata nella diagnostica del sistema nervoso (tac spirale multistrato, risonanza magnetica a uno e tre Tesla, angiografo biplano 3D) e in alcuni particolari indirizzi di neuroradiologia interventistica.

Altra eccellenza è la chirurgia del basicranio. In particolare il centro possiede un'esperienza unica nei meningiomi petro-clivali, nei neurinomi dell'acustico, nei cordomi della fossa cranica posteriore, ma anche nelle lesioni della fossa anteriore e media.

La scuola veronese è all'avanguardia anche nella chirurgia vascolare (aneurismi e malformazioni artero-venose endocraniche).

Verona è inoltre il centro italiano più attivo per la neurochirurgia stereotassica: in 13 anni circa 6 mila interventi di biopsia, brachiterapia, endoscopia stereotassica, ma soprattutto radiochirurgia stereotassica con Gamma knife. Si tratta di una tecnica non invasiva che permette di colpire con alte dosi di radiazioni mirate i tumori o i residui di tumori operati, distruggendoli o cicatrizzandoli senza necessità di operarli.

Appuntamenti per visite

Tutti i medici visitano in regime di convenzione e intramoenia.

Per prenotare le visite nelle unità operative di Sergio Turazzi e Carlo Mazza il numero da contattare è lo 045 8072535; per la neurochirurgia spinale il numero è lo 0458072695. Le prenotazioni si effettuano dal lunedì al giovedì dalle 8 alle 12.30 e dalle 14 alle 16. Il venerdì dalle 8 alle 12.30 e dalle 14 alle 15.

Per la neurochirurgia clinicizzata il numero da contattare è lo 0458072695; per la neuroradiologia si deve chiamare dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 13.00, ai numeri 0458073467 e 0458072572.

Le visite in convenzione di neurochirurgia a divisione ospedaliera si effettuano ogni lunedì (12-12.45), giovedì (13.30-15.15) e venerdì (due volte al mese, dalle 14 alle 15.45). Quelle di neurochirurgia pediatrica ogni primo e terzo giovedì del mese dalle 12 alle 14. Neurochirurgia spinale: ogni venerdì dalle 8 alle 9. Neurochirurgia clinicizzata: tutti i giorni dalle 14 alle 18.

Per le visite in regime libero professionale, gli orari e i giorni sono stabiliti in base agli impegni dello specialista. I costi oscillano tra i 50 e i 160 euro.

I tempi d'attesa variano da pochi giorni a un paio di mesi.

Ricoveri

Al ricovero programmato si accede dopo una visita ambulatoriale o intramoenia, attraverso una lista ricoveri tenuta dalle caposala (neurochirurgia ospedaliera, pediatrica e spinale tel. 0458072674; neurochirurgia clinicizzata tel. 0458072687).Per interventi legati a patologie tumorali l'accesso è preferenziale e in genere avviene entro una o al massimo due settimane.

Degenza

L'ospedale Borgo Trento dispone di quattro sale operatorie più una dedicata alla neurochirurgia stereotassica (Gamma knife).

Neurochirurgia ospedaliera, con neurochirurgia spinale e pediatrica: 60 posti letto.

Neurochirurgia spinale e pediatrica: 18 posti letto. L'area riservata ai bambini è di 2 camere da 4 posti letto con aria condizionata, tv e giochi. Le mamme dormono accanto ai piccoli.

Neurochirurgia clinica con neurochirurgia stereotassica e vascolare: 30 posti letto. In maggioranza sono stanze da 5 o 6 letti, una è a 3, due sono singole.

Anestesia intensiva: 18 posti letto: due stanze da 5-7 letti, una stanza singola riservata ai pazienti appena operati, due stanze singole. Tutte le camere hanno l'aria condizionata. I servizi sono al piano.

È in programma un'ampia ristrutturazione del reparto che prevede la realizzazione di stanze e servizi per i familiari dei pazienti.

Responsabili

Il direttore del Dipartimento di neurochirurgia è Sergio Turazzi, 61 anni, che è anche il direttore e primario dell'Unità operativa di neurochirurgia a direzione ospedaliera, membro del direttivo della Società italiana del basicranio e della Società dei neurologi, neurochirurghi e neuroradiologi.

Unità operativa di neurochirurgia pediatrica: primario è Carlo Mazza, 63 anni. Responsabile del gruppo di studio per la neurochirurgia pediatrica nella Società italiana di neurochirurgia (Sinch), segretario della European society for pediatric neurosurgery; presidente della commissione scientifica della Ispn (International society for pediatric neurosurgery).

Unità operativa di neurochirurgia spinale: direttore e primario è Franco Faccioli, 59 anni.

Unità operativa di neuroradiologia: responsabile Alberto Beltramello, 54 anni, membro del direttivo della Società italiana di neuroradiologia.

Unità operativa di anestesia e terapia intensiva neurochirurgica: direttore e primario è Francesco Procaccio, 53 anni. Responsabile dell'ufficio di coordinamento del prelievo di organi e tessuti per l'area provinciale di Verona. Dal 2001 è vicepresidente dell'Etco (European transplant coordinators organisation). È membro dell'International society for neuroemergencies (Isn).

Unità operativa di neurochirurgia vascolare: il primario è Alberto Pasqualin, 53 anni. Lungo training chirurgico sia in Italia sia negli Stati Uniti. Autore di circa 200 pubblicazioni, vanta una prestigiosa casistica operatoria in tema di aneurismi e angiomi cerebrali.

Unità operativa di neurochirurgia clinicizzata: direttore e primario è Massimo Gerosa. Ordinario di neurochirurgia all'Università di Verona, 57 anni, ha al suo attivo 380 pubblicazioni e varie fellowship (corsi di aggiornamento) in università e centri di tutto il mondo. È specialista in neurochirurgia stereotassica e radiochirurgia con migliaia di interventi eseguiti.

Equipe

Unità operativa di neurochirurgia a direzione ospedaliera: Claudio Licata, Giovanni Barone, Luciano Cristofori, Barbara Masotto, Giorgio Ravenna, Carlo Mazza, Riccardo Damante, Roberta Gambin, Franco Chioffi.

Unità operativa neuroradiologia: Franco Alessandrini, Andrea Grazioli, Enrico Piovan, Francesca Pizzini, Giuseppe K. Ricciardi, Luisa Rosta, Piergiuseppe Zampieri.

Unità operativa anestesia e terapia intensiva neurochirurgica: Sergio Baietta, Rossella Baldin, Carla Bellini, Elisabetta Ghidelli, Lanfranco Orlandino, Luisa Pasut, Gloria Stoffella, Franca Valsini,  Laura Zanoni, Barbara Benedini, Daniela Cappelletti, Marilena Liviero Casartelli, Valeria Pellegrini, Mauro Carlini, Simone Priolo, Gianluca Angelo Santangelo, Sibilla Danese, Francesca Casagrande, Silvia Bassanini.

Unità operativa neurochirurgia clinicizzata: Enrico De Micheli, Antonio Nicolato, Francesco Sala, Andrea Talacchi, Alberto Pasqualin.

Note

L'ospedale di Verona è uno dei più grandi centri neurochirurgici pubblici in Italia. Nel 2004 su un totale di 3.231 ricoveri (il 60 per cento da fuori regione, il 5 per cento dall'estero) sono stati eseguiti 2.886 interventi complessi (cranici, spinali, stereotassici).

In collaborazione con la divisione e la clinica neurologica di Verona, il centro stereotassico si occupa di interventi con elettrostimolatori cerebrali di profondità (Deep brain stimulation o Dbs) nel morbo di Parkinson e in altre sindromi discinetiche. Si progetta l'introduzione dei cosiddetti by pass arteriosi «diretti», eseguiti mediante laser a eccimeri, e indicati nel trattamento dell'ictus ischemico ed emorragico. È allo studio anche un programma di interventi robot-assistiti, per la vaporizzazione di tumori endoventricolari con laser a diodi, in condizioni stereotassiche. Altro importante progetto riguarda l'ampliamento delle tecniche di mappatura di regioni strategiche dell'encefalo con studi cognitivi specifici pre, post e intraoperatori (durante l'awake surgery, ossia la chirurgia a paziente sveglio). A medio-lungo termine si lavora per il trattamento dei gliomi maligni del cervello con cellule staminali autologhe.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) POLICLINICO UNIV. AGOSTINO GEMELLI

Largo A. Gemelli 8, 00168 Roma

Indice di reputazione: 50,2Voto: 8,17*

Tel. centralino 0630151

Tel. reparto 0630154358

Tel. urp 0630154081/54 88

Fax 063051343

Email reparto gmaira@rm.unicatt.it

www.policlinicogemelli.it

Come si arriva: il Policlinico Gemelli è raggiungibile dalla stazione Termini prendendo la metropolitana linea A fino alla fermata Battistini, poi l'autobus 146 fino all'Università Cattolica-Policlinico Gemelli oppure prendendo la metropolitana linea A fino alla fermata Valle Aurelia e  il treno urbano in direzione Viterbo P.F. (Fm 3) fino alla stazione Gemelli. L'ospedale è dotato di un servizio interno di navette.

Eccellenza

L'Istituto è noto per i suoi interventi nell'ambito della chirurgia e terapia endovascolare delle malformazioni vascolari cerebrali (aneurismi, angiomi cavernosi); nella chirurgia dei tumori cerebrali (meningiomi, gliomi, tumori della base cranica) con l'ausilio di chirurgia laser, neuronavigatore, risonanza magnetica funzionale. Nell'ambito della neuroendocrinochirurgia si distingue per la chirurgia tradizionale e per l'endoscopia degli adenomi ipofisari e dei craniofaringiomi. In particolare si segnala l'impiego di tecniche di neuromodulazione e neurostimolazione nel trattamento di epilessia, morbo di Parkinson e terapia del dolore, nell'ambito della chirurgia stereotassica e funzionale. È disponibile anche un servizio di neurochirurgia pediatrica che tratta i tumori cerebrali e del sistema nervoso, le malformazioni congenite, l'idrocefalo e l'epilessia.

Appuntamenti per visite

Le visite neurochirurgiche per adulti in regime di convenzione non richiedono prenotazione (è sufficiente l'impegnativa del medico curante). L'attività ambulatoriale si svolge al Poliambulatorio del 4° piano. Il lunedì e il venerdì si effettuano le visite di neurochirurgia generale (accettazione: 7.45-8.45), il mercoledì quelle di neurotraumatologia (accettazione: 10.30-11.15), giovedì quelle di neurochirurgia funzionale e spinale (accettazione: 8.30-9.30). Per quanto riguarda la neurochirurgia infantile occorre prenotare le prime visite telefonando al Cup, al numero 0635504660, dalle 8 alle 15 dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 12 il sabato. Le visite si effettuano il lunedì presso il poliambulatorio del Gemelli, al 7° piano (accettazione: 9-10). I controlli si prenotano direttamente al poliambulatorio al termine della visita o telefonando allo 0630154756 (dalle 16.30 alle 18 dal lunedì al venerdì).L'agenda delle visite intramoenia è tenuta dai singoli medici specialisti con la supervisione della direzione sanitaria. I costi delle visite private variano a seconda dello specialista che le effettua e oscillano tra 51, 65 e 129 euro per i dirigenti medici non responsabili di strutture complesse e tra 103 e 206,58 euro per i direttori di struttura complessa. Per informazioni e prenotazioni è attivo, dal lunedì al venerdì, il numero verde 800262272 dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 13 alle 17. Il tempo di attesa è di circa 7 giorni.

Degenze

Il dipartimento è dotato di 47 letti di degenza, di cui 6 di terapia subintensiva e 2 per day hospital. Vi sono inoltre 14 letti di neurochirurgia infantile.

Tutte le camere hanno l'aria condizionata. È disponibile anche una guest house per i parenti dei degenti e per malati cronici in terapia che non hanno bisogno del ricovero. Si tratta di una struttura di tipo alberghiero dotata di 43 camere di diversa tipologia (singole, doppie e triple); 4 camere sono attrezzate per i disabili. Sono disponibili navette che collegano la guest house al Policlinico.

È previsto un servizio di interpreti.

Ricoveri

Il ricovero, escluse le urgenze dal pronto soccorso, avviene previa visita ambulatoriale (ricovero programmato), a seguito della quale si viene inseriti in una lista d'attesa gestita dai direttori delle Unità operative assistenziali.

Responsabile

Direttore dell'Istituto di neurochirurgia è Giulio Maira, di 61 anni. Dopo alcune esperienze all'estero (Canada, Svizzera, Gran Bretagna e Germania) è tornato a Roma presso il Policlinico Gemelli. È docente di neurochirurgia presso la facoltà di medicina e chirurgia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. Le sue numerose pubblicazioni scientifiche si concentrano soprattutto sulla terapia e la chirurgia dei tumori cerebrali e sulla neurochirurgia vascolare. Attualmente è coinvolto anche in diversi studi sull'uso delle cellule staminali nella rigenerazione neuronale.

Equipe

Unità operativa assistenziale di neurochirurgia (responsabile Giulio Maira): Eduardo Marcos, Fernandez Marquez, Liverana Lauretti, Enrico Marchese, Roberto Pallini, Alfredo Puca, Andrea Vignati, Alessio Albanese, Luca Denaro.

Unità operativa assistenziale di neurochirurgia funzionale e spinale (responsabile Mario Meglio): Gabriella Colicchio, Beatrice Cioni, Massimiliano Visocchi, Fabio Papacci.

Unità operativa assistenziale di neurotraumatologia (responsabile Carmelo Anile): Annunziato Mangiola, Angelo Pompucci, Romeo Roselli.

Unità operativa assistenziale di neurochirurgia infantile (responsabile Concezio Di Rocco, nell'ambito del Dipartimento di scienze pediatriche medico-chirurgiche e neuroscienze dello sviluppo): Massimo Caldarelli, Giampiero Tamburrini, Luca Massimi.

Note

Sono in corso studi sui fattori genetici responsabili dell'emorragia cerebrale da rottura di aneurismi intracranici e di microchirurgia vascolare per realizzare nuovi by-pass vascolari mediante moderni apparecchi laser.

L'Istituto di neurochirurgia intende, nel prossimo futuro, sviluppare i seguenti campi: trapianto di cellule staminali neurali nelle lesioni del midollo spinale e del cervello e nelle malattie neurodegenerative; neuromodulazione; Rm intraoperatoria; applicazione di terapie innovative per i tumori cerebrali.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITÀ PISANA PRESIDIO SANTA CHIARA

Via Roma 67, 56126 Pisa

Indice di reputazione: 42,1Voto: 7,98*

Tel. centralino 050992111/3111/4111/6111

Tel. reparto ospedaliero 050.992433; 050.992421

Tel. reparto universitario 050992726

Tel. urp 800.015877

Fax 050.992429

Email urp m.trivellini@ao-pisa.toscana.it

www.ao-pisa.toscana.it

Come si arriva: dalla stazione Fs prendere il bus numero 3 o la linea A. All'interno dell'ospedale è disponibile un servizio di navetta che collega i diversi reparti.

Eccellenza

La Divisione ospedaliera è centro di riferimento regionale per la chirurgia dei tumori intracranici. Inoltre ha un'ampia casistica nel campo della chirurgia spinale e della neuroendocrinologia.

Un settore molto attivo è quello della chirurgia vascolare cerebrale che si affianca alla neurotraumatologia. La Divisione universitaria è specializzata nelle patologie traumatiche cerebrali e midollari, nelle neoplasie e nella chirurgia vascolare del sistema nervoso centrale (emorragie, aneurismi, angiomi). Molto sviluppato è il settore della chirurgia della colonna (compressioni radicolari, ernie del disco, listesi vertebrali).

Appuntamenti per visite

Divisione ospedaliera: è possibile prenotare una visita telefonando al Cup (tel. 050995995), dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 11.30. I giorni di ambulatorio sono martedì e giovedì.

Divisione universitaria: per prenotazioni chiamare il numero 050992726. I giorni di ambulatorio sono il lunedì e il mercoledì.

Il tempo medio di attesa, per ambedue i reparti, è di due mesi. Si effettuano anche visite private in regime intramoenia, al costo medio di 150 euro. Per prenotarle telefonare al Cup presso l'ospedale di Cisanello (050995272-050995907), dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18 o il sabato dalle 8 alle 13. L'attesa media è di qualche giorno, in base alla disponibilità del medico prescelto.

Ricoveri

Per ambedue i reparti, il ricovero, se non urgente, deve essere preceduto da una visita ambulatoriale. È possibile usufruire anche di camere private situate all'interno della struttura ospedaliera pagando solo la retta alberghiera, oppure richiedere la presenza di un medico specifico (nel qual caso si pagano anche le prestazioni del medico in regime intramoenia). Questa seconda opzione è disponibile anche se si sceglie il ricovero nei reparti di degenza convenzionati con il Ssn.

Degenza

Divisione ospedaliera: dispone di 20 posti letto, di cui 4 di terapia subintensiva e 8 di terapia intensiva presso il reparto di anestesia e rianimazione diretto da Italo Di Sacco. È disponibile un letto per day hospital. Alcune camere sono dotate di aria condizionata. Divisione universitaria: dispone di un reparto di degenza di 25 posti letto per ricovero, 2 letti per terapia subintensiva (e 8 di intensiva presso il reparto di anestesia e rianimazione). Ci sono 2 letti per day hospital. Alcune camere sono dotate di aria condizionata.

Responsabile

Divisione ospedaliera: Rinaldo Cantini, 66 anni. È particolarmente attivo nel campo della neurochirurgia oncologica e nella neurochirurgia infantile. Tra le tecniche di avanguardia introdotte nel suo reparto sono da segnalare la chemioterapia intratumorale e la radioterapia intraoperatoria.

Divisione universitaria: Giuliano Parenti, 64 anni, si è specializzato in neurochirurgia all'Università di Padova. I suoi interessi professionali sono indirizzati particolarmente verso la neurochirurgia vascolare e la neuroncologia.  

Equipe

Divisione ospedaliera: Marilena Burchianti (neurochirurgia infantile), Stefano Carnesecchi, Ardico Cocciaro, Paolo Lepori, Walfredo Giorgetti (chirurgia della colonna vertebrale), Lucia De Franco, Giorgio Grossi, Franco Marconi, Riccardo Vannozzi (neuroendocrinologia e neuroncologia).

Divisione universitaria: Ludovico Lutzemberger (chirurgia stereotassica e dei tumori cerebrali), Giovanni Acerbi, Vitale Ravelli (chirurgia spinale), Bruno Lenzi (neurochirurgia vascolare e neuroncologia), Gaetano Liberti (chirurgia spinale ed endoscopica).

Note

È disponibile un servizio di telemedicina per seguire i pazienti a distanza dopo che vengono dimessi. Il reparto intende provvedere a breve al rinnovo dei microscopi operatori.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) POLICLINICO UNIVERSITARIO UMBERTO I

Viale del Policlinico 155, 00161 Roma

Indice di reputazione: 34,7Voto: 8,35*

Tel. centralino 0649971

Tel. reparto 0649979105

Tel. urp 0649977050/0649977054

Fax 064940941

Email urp urp@policlinicoumberto1.it

Email reparto dipscneurol@uniroma.it

www.policlinicoumberto1.it

Come si arriva: è possibile raggiungere il Policlinico da via Regina Elena con i tram 3 e 19, o con la linea autotranviaria 29-30, oppure in metropolitana con la linea B, fermata Policlinico. L'entrata più vicina al Dipartimento di neuroscienze (situato nell'edificio 10) è quella di via Lancisi.

Eccellenza

Il reparto, che fa parte del Dipartimento di neuroscienze diretto da Massimiliano Prencipe, è noto per i suoi interventi di neuroncologia. È stato sviluppato in particolare il settore della chirurgia vascolare, con il trattamento combinato chirurgico ed endovascolare delle malformazioni dei vasi. Per quanto riguarda la chirurgia della colonna, sono da segnalare gli interventi con approccio mininvasivo. In ambito di ricerca di base, il Dipartimento si distingue per gli studi sulla biologia molecolare dei tumori del sistema nervoso centrale. È dotato anche di un laboratorio di microchirurgia sperimentale.

Appuntamenti per visite

Per prenotare visite con il Servizio sanitario nazionale, è possibile chiamare il numero 0649979117 dalle 8.30 alle 12.30. L'attesa media è di 20 giorni. L'ambulatorio è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17. Non è possibile prenotare visite private.

Ricoveri

Per le patologie urgenti e acute il ricovero è immediato attraverso il pronto soccorso. Per tutte le altre patologie è necessaria la richiesta del medico curante con la diagnosi o la visita ambulatoriale presso la struttura. Per prenotare il ricovero bisogna chiamare direttamente il reparto.

Degenza

Il reparto ha 28 letti di degenza, di cui 9 di terapia intensiva e 6 di subintensiva. Tutte le camere sono dotate di aria condizionata. A richiesta è possibile ottenere l'assistenza di uno psicologo o di un interprete.

Responsabile

Roberto Delfini, 57 anni, è primario del servizio dal 1991. Docente di neurochirurgia all'Università La Sapienza di Roma, ha effettuato numerosi soggiorni di studio all'estero. Complessivamente ha eseguito oltre 9 mila interventi chirurgici in tutti i campi della neurochirurgia di emergenza e di elezione.

Equipe

Antonio Santoro, Antonino Raco, Antonino Agrillo, Andrea Ruggeri, Roberto Tarantino.

Note

Il reparto è dotato di tecnologie all'avanguardia quali strumenti per la neuronavigazione e la radiologia intraoperatoria, utili in particolare nella cura dei tumori, e la risonanza magnetica funzionale. Si sperimentano inoltre nuovi biomateriali per le ricostruzioni del cranio e della colonna.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) AZIENDA USL OSPEDALE BELLARIA

Via Altura 3, 40139 Bologna

Indice di reputazione: 35,2Voto: 8,82*

Tel. centralino 0516225511

Tel. cup 848884888

Tel. urp 0516225792

Fax 0516225502

Email neurochirurgia bellaria@ausl.bologna.it

www.ausl.bologna.it

Come si arriva: dalla stazione dei treni o dall'autostazione con l'autobus numero 90. Dall'autostrada uscita Bologna–San Lazzaro; dalla tangenziale uscita 12.

Eccellenza

Il focus dell'attività clinica e di ricerca dell'istituto è ampio. Si va dalle malattie cerebrovascolari di tipo emorragico (come gli aneurismi, su cui il reparto partecipa a un importante studio internazionale, gli angiomi cerebrali e i cavernomi) o ischemico (con interventi di endoarterectomia carotidea), alle neoplasie (in particolare meningiomi, neoplasie dell'angolo pontocerebellare), alle malattie vertebromidollari (per alcune delle quali si eseguono interventi di stabilizzazione vertebrale). I chirurghi del reparto sono specializzati in particolare nella chirurgia dell'ipofisi e della base cranica, dei conflitti neurovascolari, del morbo di Parkinson e dell'epilessia, oltre che nelle tecniche neurochirurgiche endoscopiche. Infine è notevole l'esperienza nell'ambito della neurochirurgia pediatrica e della neurotraumatologia.

Appuntamenti per visite

La prenotazione, gestita attraverso un sistema informatizzato, può essere effettuata per telefono (al numero 848884888 dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18.30 e il sabato dalle 7.30 fino alle 12.30) oppure recandosi presso uno dei centri Cup disseminati in città e in molte farmacie.

Le visite in regime di convenzione con il servizio sanitario nazionale hanno tempi di attesa medi che variano tra i 15 e i 30 giorni, e si svolgono presso l'ospedale Bellaria tutte le mattine, dal lunedì al venerdì e presso l'ospedale Maggiore il lunedì mattina.

Le visite private vengono fissate in base alla disponibilità di ciascuno specialista, con cadenza settimanale o plurisettimanale. I tempi di attesa non superano in genere i 10 giorni. Il costo oscilla tra 80 e 160 euro.

Ricoveri

Il ricovero programmato avviene previa visita ambulatoriale o in seguito a consultazione del neurochirurgo. Per quanto riguarda i ricoveri in regime libero-professionale i tempi d'attesa e i costi variano sensibilmente in relazione alla patologia.

Degenza

Ai 48 letti di degenza se ne aggiungono 8 di terapia subintensiva gestiti in collaborazione con il reparto di rianimazione, 8 per la pediatria in un'area di degenza dedicata che comprende spazi di intrattenimento per i piccoli ricoverati e 2 per i ricoveri in day hospital. Tutte le camere hanno aria condizionata.

È prevista la presenza di psicologi per seguire i malati.

I pazienti con difficoltà linguistiche possono avere l'assistenza di un mediatore culturale.

Responsabili

Primario: Fabio Calbucci, 62 anni. Durante il suo training ha trascorso numerosi periodi di apprendimento all'estero, in particolare a Zurigo, New York, Parigi e Hannover. È autore di numerose pubblicazioni scientifiche ed è stato invitato come relatore a diversi congressi nazionali e internazionali. Membro della Commissione europea per l'educazione continua in rappresentanza della Società italiana di neurochirurgia, è componente dell'Advisory board di neurosurgery e delle riviste ufficiali delle Società italiane di neurochirurgia e neurologia (Journal of neurosurgical sciences, Neurological sciences).

È professore associato di neurochirurgia presso l'Università di Bologna.

Primario: Alvaro Andreoli, 60 anni, ha completato la formazione con numerosi periodi di apprendimento in Germania, Svizzera, Stati Uniti, Giappone e Olanda. È stato relatore di oltre 250 comunicazioni a congressi nazionali e internazionali e autore o coautore di numerosi volumi e ricerche cooperative internazionali.

Equipe

Nicola Acciarri, Andrea Barbanera Carlo Bollini, Carlo Bortolotti, Antonio P. Fabrizi, Antonio Fioravanti, Giorgio Frank, Ercole Galassi,  Marco Giulioni, Umberto Godano, Carmelo Mascari, Diego Mazzatenta, Monica Nicola, Giorgio Palandri, Eugenio Pozzati, Alessandra Serracchioli, Carmelo Sturiale.

Note

A breve è prevista l'attivazione presso l'Ospedale Maggiore di un'area dedicata alla neurotraumatologia, con 4 nuovi posti letto.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) AZIENDA OSPEDALIERA CARDARELLI

Via A. Cardarelli 9, 80131 Napoli

Indice di reputazione: 31,6Voto: 8,08*

Tel. centralino 0817471111

Tel. reparto 081747253132/48

Tel. urp 081747305 (dalle 8 alle 14)

Fax 081747253735

Email urp us.relazioni.pubblico@ospedalecardarelli.it

Email reparto uoc.neurochirurgia.funzionale@ospedalecardarelli.it

www.ospedalecardarelli.it

Come ci si arriva: mezzi pubblici dell'Anm linee: Of, C38, C39, C41, C65, 76, 114, C44, C43, C40, 135, R4. Ctp: mezzi M78, T70, T71, A72, T73.

Metropolitana collinare: linea 2 fermata Policlinico. Collegamenti con: funicolare centrale (piazza Fuga) - funicolare di Montesanto.

C'è un servizio di taxi collettivo, con stazionamento sul piazzale Cardarelli e su via Pansini.

Eccellenza

L'Unità operativa complessa di neurochirurgia funzionale (diretta da Biagio Daniele, responsabile anche del Dipartimento di scienze neurologiche e riabilitative) è composta da due Unità operative semplici, una di neurochirurgia funzionale e stereotassica (diretta da Alberico Buonaguro) e una di neurochirurgia pediatrica (diretta da Mauro Colangelo).

La prima è da sempre punto di riferimento (anche a livello nazionale) per la chirurgia vertebrale. Vengono trattate tutte le patologie vertebro-midollari, con particolare riguardo all'impiego di materiali a memoria di forma per lesioni degenerative e traumatiche della colonna.

Grande importanza ha anche la cura dei tumori encefalici e del basicranio che vengono affrontati con la più moderna strumentazione chirurgica (microscopio operatorio di ultima generazione con sistema Ala, casco stereotassico, aspiratore a ultrasuoni, C02-laser, neodimioYag-laser, endoscopio). La sezione stereotassica si occupa principalmente della terapia chirurgica del Parkinson nei casi di inefficacia della terapia medica, della terapia chirurgica dell'epilessia nei casi resistenti alla terapia farmacologica, della stimolazione del cervello o del midollo spinale nei dolori intrattabili.

Altri campi di interesse sono le sindromi spastiche e distoniche, con uso di micropompe che erogano, nel liquido cerebro-spinale, microdosi di sostanze che rilassano i muscoli, e le varie terapie chirurgiche delle nevralgie del trigemino.

La neurochirurgia pediatrica si occupa in particolare di idrocefalo, tumori cerebrali e spinali, malformazioni congenite (encefalocele, cisti aracnoidali, mielomeningocele, lesioni neurovascolari, malformazione di Chiari, sindrome di Dandy-Walker), traumi e trattamento della spasticità grave e dei disturbi del movimento (discinesie).

Appuntamenti per visite

Gli ambulatori trattano le seguenti patologie: derivazioni liquorali per idrocefalo, ernie discali lombari, sindromi del tunnel carpale in day surgery, cefalee e dolori cervico-facciali; pregressi traumi cranio-vertebrali, tumori cranio-encefalici, patologie cerebro-vascolari, patologie vertebro-midollari. Sono aperti dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12.

Per prenotare basta andare di persona agli sportelli del Cup dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.30 e il sabato dalle 8 alle 14. Oppure telefonare al numero verde 800019774, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.30 e il sabato dalle 8 alle 14. Alcune prestazioni sono prenotabili via internet dal sito www.ospedalecardarelli.it .

I tempi d'attesa variano molto a seconda del tipo di consultazione e dello specialista di riferimento (in media sono di un mese).

Anche le visite private in regime intramoenia si prenotano attraverso il Cup. Il costo medio è di 80 euro. Per prenotare un day hospital, rivolgersi al numero 0817472542, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12.

Ricoveri

I ricoveri vengono effettuati previa prenotazione attraverso l'ambulatorio.

Degenza

Il reparto di neurochirurgia funzionale è dotato di 28 letti, tutti attrezzati per l'assistenza subintensiva e di 2 letti in day hospital. La neurochirurgia pediatrica conta 22 letti e 2 posti per il day hospital. Le camere non sono dotate di aria condizionata.

Responsabile

Biagio Daniele, 66 anni, napoletano. Specializzato in neurochirurgia a Torino. Per lunghi anni ha lavorato come neurochirurgo pediatrico presso l'ospedale Santobono di Napoli quindi, dal 1989, è diventato responsabile del reparto di neurochirurgia dell'ospedale Cardarelli. Si è occupato in particolare di patologie del circolo liquorale, svolgendo attività di ricerca sia in ambito pediatrico (in particolare riguardo all'idrocefalo) sia su pazienti adulti.

Equipe

Alberico Buonaguro (neurochirurgia funzionale e stereotassica), Mauro Colangelo (neurochirurgia pediatrica), Rocco Cangialosi (neuroncologia), Lucio Cipollaro (chirurgia dell'osso temporale, otoneurochirurgia), Pasqualino De Marinis (tumori del basicranio), Domenico Di Maro (neurochirurgia mininvasiva), Luigi Genovese (vertebro-midollare), Antonietta Marano (day hospital, neurochirurgia endoscopica), Claudio Vitale (chirurgia ricostruttiva).

Note

L'Unità operativa complessa di neurochirurgia organizza, a regolare cadenza, corsi di microchirurgia e neurochirurgia sperimentali.

 A queste attività hanno preso parte specialisti di microchirurgia, provenienti dalle varie regioni italiane e dalla Tunisia. È tuttora in corso un progetto di cooperazione scientifica con l'ospedale Charles Nicolle di Tunisi. Il Cardarelli è l'unico ospedale a disporre di questi progetti sperimentali.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) PRESIDIO OSPEDALIERO CA' FONCELLO

Piazza Ospedale 1, 31100 Treviso

Indice di reputazione: 32,3Voto: 8,44*

Tel. centralino 04223221

Tel. reparto 0422322632

Tel. urp 0422321212

Fax neurochirurgia 0422322523

Email reparto seguchtv@ulss.tv.it

Email urp segurptv@ulss.tv.it

www.ulss.tv.it

Come si arriva: dalla Stazione ferroviaria: autobus linea 1.

Dall'autostrada Venezia - Belluno (A27): uscita Treviso Sud e seguire indicazioni per l'ospedale.

Eccellenza

Nell'ambito della neurochirurgia generale il centro (che formalmente è una divisione clinicizzata con personale anche universitario dell'Università di Padova) è specializzato nei neurinomi del nervo acustico, nella chirurgia del basicranio, del tronco, del midollo spinale e nel monitoraggio neurofisiologico.

Sono molto attive anche numerose sottospecialità: neurochirurgia pediatrica (craniostenosi lipomeningoceli idrocefalo); neurochirurgia spinale  (stabilizzazione strumentale, nuove protesi); neuroendoscopia cerebrale  (emorragie ventricolari, cisti colloidi, idrocefalo); chirurgia endoscopica transnasale della regione ipofisaria e basicranio anteriore (tumori ipofisari e basicranio-fistole liquorali); neuroncologia (planning preoperatorio, fusioni immagini tac e rm-neuronavigazione); neurochirurgia vascolare (diagnosi e chirurgia degli aneurismi e malformazioni cerebrovascolari; neuromonitoraggio intraoperatorio delle vie sensitive e motorie; chirurgia del sistema nervoso periferico).

Con le nuove tecniche della neurochirurgia funzionale e stereotassica il centro si occupa anche di spasticità, dolore, morbo di Parkinson e distonie.

Il centro infine realizza ricerche nelle neuroscienze di base (acquaporine nei tumori del sistema nervoso, metaboliti liquorali e melatonina nell'idrocefalo, espressione di cellule staminali nella patologia emorragica e oncologica) e in ambito clinico (neuroendoscopia, prevenzione delle infezioni del liquor con shunt impregnati di antibiotico, studio cooperativo aneurismi non rotti, adenomi ipofisari).

Molto interessante l'iniziativa sperimentale realizzata all'insegna del motto «il paziente dove si trova e il neurochirurgo dove serve» in collaborazione con l'ospedale di Belluno. L'unico cardiochirurgo in servizio a Belluno opera in stretta collaborazione con gli specialisti trevigiani, che lo raggiungono e lo supportano in caso di interventi programmati o urgenti.

Appuntamenti per visite

Il servizio di prenotazione è informatizzato, ed è gestito dal Cup. La visita può essere prenotata di persona presso l'ospedale oppure telefonicamente al numero 0422322693 (dal lunedì al venerdì dalle 8.15 alle 16 o il sabato dalle 8.15 alle 12,), via fax (al numero 0422322423) o per posta elettronica (segcoptv@ulss.tv.it ).

I tempi medi di attesa per una visita privata (il cui costo oscilla in genere tra 100 e 120 euro) sono di circa 7 giorni, mentre per una visita convenzionata possono variare da 7 a 45 giorni (che salgono a 3 mesi per i disturbi del rachide cervicale). Le visite e le prestazioni diagnostiche vengono effettuate dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13. Ci sono inoltre 4 ambulatori di neurochirurgia in diversi ospedali del territorio.

Ricoveri

I ricoveri non urgenti devono essere preceduti da una visita nell'ambulatorio del reparto. I tempi di attesa oscillano tra due e tre mesi.

Degenza

Ai 32 letti di degenza ordinaria se ne aggiungono 2 per il day hospital, tutti in camere con aria condizionata.

Responsabile

Pierluigi Longatti, 58 anni, professore associato di neurochiurgia all'Università di Padova, dirige la divisione clinica di neurochirurgia dell'Ospedale di Treviso dal 2003. Ha curato 85 pubblicazioni scientifiche in riviste Italiane e internazionali.

Equipe

Alessandro Carteri (coordinatore per l'attività di formazione e ricerca). Piero Cisotto (neurochirurgia funzionale), Domenico Billeci (chirurgia endoscopica della patologia dell'ipofisi), Giuseppe Canova (chirurgia stereotassica e neuronavigazione), Francesco Ettorre (neurochirurgia generale, microchirurgia spinale), Elisabetta Marton (ricercatrice dell'Università di Padova, neurotraumatologia), Maria Grazia Marina Mazzucco (neurochirurgia pediatrica), Mario Moro (chirurgia del Parkinson, neuroncologia), Gianantonio Zanata (terapia chirurgica del dolore e spasticità), Roberto Zanata (chirurgia spinale), Alessandro Fiorindi (ricerca sulle cellule staminali del sistema nervoso).

Note

Oltre all'assistenza psicologica, i ricoverati possono contare anche sull'aiuto offerto dall'associazione Vita C, vivere insieme il tumore al cervello, che assiste i pazienti e i loro familiari.

L'ospedale garantisce un servizio di interpreti e di mediazione culturale, con personale di una cooperativa esperto delle principali lingue europee, africane e mediorientali.

Un servizio di telemedicina permette di seguire i pazienti a distanza. È in arrivo l'apparecchiatura per il neuromonitoraggio intraoperatorio.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) OSPEDALE MAGGIORE DELLA CARITÀ

Corso Mazzini 18, 28100 Novara

Indice di reputazione: 29,8Voto: 8,29*

Tel. centralino 03213731

Tel. reparto 03213733492

Tel. urp 03213733900

Fax 03213733414

Email urp urp@maggioreosp.novara.it

www.maggioreosp.novara.it

Come si arriva: l'ospedale è situato nel centro storico della città ed è raggiungibile con gli autobus numero: 1, 3, 5, 6.

Eccellenza

Il centro è stato tra i primi in Italia ad avere adottato il microscopio operatorio e la tecnica microchirurgica per l'esecuzione degli interventi.

La divisione di neurochirurgia ha maturato esperienze sia nell'attività chirurgica d'elezione che d'urgenza in quasi tutti i campi di applicazione.

I settori di eccellenza sono rappresentati dalla chirurgia delle malformazioni vascolari (aneurismi), la chirurgia dei tumori, in special modo quelli della base cranica.

All'avanguardia è anche la chirurgia spinale, cioè della colonna vertebrale, sia per le patologie degenerative sia per i traumi vertebro-midollari, per i quali vengono utilizzati diversi sistemi di fissazione vertebrale.

Notevoli progressi sono stati fatti nella chirurgia dei tumori cerebrali benigni.

Appuntamenti per visite

Per prenotare la prima visita si può chiamare il Cup al numero verde 800 227717, dal lunedì al venerdì dalle 11 alle 17. Tramite internet si possono consultare i tempi di attesa per le visite, che di norma non superano i 15 giorni.

È possibile effettuare anche visite a pagamento: il numero da contattare è lo 03213733718, i costi variano da un minimo di 70 euro a un massimo di 250 euro, i tempi di attesa sono molto brevi.

Ricoveri

L'iter per il ricovero prevede: la visita diretta ambulatoriale, che può essere prenotata tramite Cup, oppure la visita privata effettuata dagli specialisti del reparto. I tempi di attesa possono andare da pochi giorni a un mese, a seconda dell'urgenza del caso.

Si effettuano anche ricoveri in day hospital soprattutto per gli interventi al tunnel carpale. Mentre il day surgery prevede il pernottamento in ospedale del paziente, dopo l'intervento chirurgico.

Per qualsiasi informazione attinente al ricovero si può chiamare la segreteria di reparto: 03213733988.

L'ospedale è dotato di una speciale corsia denominata casa di cura, in cui vengono effettuate visite e ricoveri a regime di pagamento. In questo caso si accede mediante visita privata dello specialista. I tempi d'attesa possono essere al massimo di una settimana a seconda dell'urgenza.

Degenza

I letti a disposizione nel reparto sono 32 in tutto: 24 per la degenza ordinaria e 6 per la terapia subintensiva, suddivisi in 11 stanze, da 2 o 3 posti ciascuna, con bagno privato e aria condizionata.

Sono disponibili due camere della casa di cura, per pazienti che volessero effettuare intervento chirurgico e degenza a regime di pagamento.

La terapia intensiva fa parte del reparto di rianimazione.

Per pazienti in gravi difficoltà fisiche e psicologiche, i parenti possono ottenere una speciale autorizzazione e stare accanto al malato.

La direzione mette a disposizione uno psicologo e un mediatore culturale per i degenti stranieri.

Responsabile

Dal 1989, il primario del reparto è il professor Carlo Bellotti, 64 anni. Ha cominciato la sua attività nel 1968, compiendo numerosi corsi di specializzazione all'estero.

Equipe

Mauro Arrigoni, responsabile della terapia subintensiva; Giuliano Allegra, Gabriele Panzarasa, Andrea Voci, Fabiola Benvenuto, Piergiorgio Car, Christian Cossandi, Paola Girardi, Roberto Sani, Lucia Valcauda.

Note

Il centro sta studiando un nuovo sistema di chirurgia a paziente sveglio in modo tale da poter effettuare una mappatura della corteccia cerebrale e  intervenire con stimolazioni. In futuro il centro prevede di dotarsi di nuovi macchinari per la chirurgia endoscopica e microinvasiva, allo scopo di valutare l'attività cerebrale.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) AZIENDA OSPEDALIERA NIGUARDA CA' GRANDA

Piazza Ospedale Maggiore 3, 20162 Milano

Indice di reputazione: 27,3Voto: 8,14*

Tel. centralino 026444

Tel. urp 02/64442794/95

Tel. reparto 02/64442401

Email urp urp@ospedaleniguarda.it

www.ospedaleniguarda.it

Come si arriva: metropolitana linea Gialla, fermata Maciachini e poi metrotranvia 4.

Autobus 83 o 51. Tutti i reparti interni all'ospedale sono collegati da navette gratuite che partono dal piazzale d'ingresso.

Eccellenza

Il reparto è all'avanguardia nella neurochirurgia delle lesioni vascolari, quali angiomi e aneurismi cerebrali. Anche la patologia del midollo spinale  è un settore di spicco, sia per quanto riguarda le lesioni neoplastiche (tumori) sia per quelle vascolari (fistole, angiomi). L'ospedale è specializzato nella cura degli aneurismi cerebrali e della patologia della carotide, nell'operazione dei tumori cerebrali e alla base cranica.

Il Dipartimento di neuroscienze comprende anche il centro per la chirurgia dell'epilessia e del Parkinson (diretto da Giorgio Lo Russo). Uno dei più noti d'Europa.

Il reparto è stato il primo in Italia a effettuare interventi di rivascolarizzazione cerebrale, mediante by pass.

Appuntamenti per visite

Le prenotazioni si effettuano presso l'ambulatorio di neurochirurgia, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 15.30. Oppure telefonando ai numeri 0264442534/0264442653. Il tempo di attesa può raggiungere i 15 giorni, a seconda dell'urgenza.

Si possono richiedere anche visite a pagamento al numero 0264442534, il costo e l'attesa variano a seconda dello specialista.

Ricoveri

Le prenotazioni per il ricovero sono effettuabili presso l'ambulatorio, o attraverso la segnalazione dello specialista. I tempi d'attesa variano in relazione all'urgenza.

Degenza

Le stanze hanno 2 letti ciascuna, per un totale di 32, di cui due per la chirurgia dell'epilessia. Ogni camera è dotata di bagno e di aria condizionata.

Per i degenti di età inferiore a 18 anni e superiore ai 65, o affetti da gravi patologie che ne impediscono l'autonomia, è consentita la presenza di un parente, al quale vengono forniti buoni pasto per la mensa ospedaliera.

I bambini in fase operatoria e postoperatoria vengono ricoverati, a seconda dell'età, nel reparto neonatale o pediatrico. Per i pazienti stranieri sono a disposizione interpreti e mediatori culturali.All'interno del reparto presta il suo servizio un'associazione di volontari, i Samaritani, che cercano di alleviare le sofferenze psicologiche del paziente.

Responsabile

Il primario del reparto di neurochirurgia è Massimo Collice, 60 anni, professore associato all'Università Statale di Milano. Molte le sue pubblicazioni in ambito scientifico. È stato il primo in Italia a effettuare l'intervento ad aneurismi in condizione di arresto cardiocircolatorio e in ipotermia profonda.

Inoltre è l'ideatore e il coordinatore  dello «Studio Italiano aneurismi non rotti» a cui partecipano tutti i reparti di neurochirurgia nazionale. Lo studio prospettico degli aneurismi è condotto dalle Università La Sapienza di Roma, Università Cattolica di Roma e Università di Messina.

Equipe

Giuseppe D'Aliberti, Giuseppe Talamonti, Fabio Villa, Maurizio Piparo.

Note

Il centro è stato uno dei primi in Italia ad avere una Stroke unit, ovvero un centro per il trattamento precoce dell'ischemia, che prevede la cura dei pazienti colpiti da ictus entro le tre ore successive, mediante cure farmacologiche o chirurgia endovascolare. Inoltre la struttura dispone di macchinari all'avanguardia per le procedure diagnostiche e terapeutiche come la angio-tac, la tac-spirale, e il neuro-navigatore. Vengono utilizzate procedure di embolizzazione che consentono di intervenire a livello neurocerebrale senza l'apertura del cervello.

È presente un servizio di telemedicina, grazie al quale i medici possono  guardare a distanza esami e dare consulti telematici via internet anche ad altri ospedali nazionali.

Nuovi macchinari saranno acquistati dall'ospedale tra cui una risonanza magnetica ad altissimo campo, 3tesla (il tesla è l'unità di misura dell'intensità del campo magnetico), che permetterà di poter studiare meglio ogni parte del cervello. Inoltre, quello del Niguarda è l'unico centro che offre l'ippoterapia convenzionata con il Servizio sanitario nazionale.

Guida alla lettura -- La classifica Panorama-Ispo si basa su un indice di reputazione elaborato sull'opinione dei medici di base e sulla media del voto (da 1 a 10) da loro espresso.

(segue) Gli altri ospedali

Anche per i seguenti ospedali il risultato ottenuto è una classifica che indica l'eccellenza medica secondo l'indice «di reputazione» (prima cifra in colonna) basato sulle opinioni di 2.047 medici di base. L'indice è stato costruito in base al numero di citazioni e al punteggio medio, espresso dai medici con un voto da un minimo di 1 a un massimo di 10. Come si può vedere, molti centri clinici esclusi dalla lista dei primi dieci, perché con un minor numero di segnalazioni, hanno comunque avuto dai medici un voto elevato.

MESSINA

AZIENDA POLICLINICO UNIVERSITARIO

(98100) via Consolare Valeria, 1- Tel. 0902211 - Fax 090692876

Indice di reputazione: 25,6 - Voto: 8,00

  PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

(35128) via Giustiniani, 2 - Tel. 0498211111 - Fax 0498213672

Indice di reputazione: 26,0 - Voto: 8,33

MILANO

OSPEDALE SAN RAFFAELE

(20132) via Olgettina, 60 - Tel. 02 2643 1 - Fax 0226437302

Indice di reputazione: 24,8 - Voto: 8,64

CESENA

OSPEDALE M. BUFALINI

(47023) v.le G. Ghirotti, 286 - Tel. 0547352111 - Fax 0547352914

Indice di reputazione: 23,4 - Voto: 8,14

VERONA

OSPEDALE POLICLINICO GIAN BATTISTA ROSSI (BORGO ROMA)

(37134) p.le L.A.Scuro, 10 - Tel. 0458071111 - Fax 0458072066

Indice di reputazione: 25,0 - Voto: 8,69

NAPOLI

AZIENDA UNIVERSITARIA POLICLINICO FEDERICO II

(80131) via Pansini, 5 - Tel. 0817461111 - Fax 0817462497

Indice di reputazione: 22,6 - Voto: 8,32

BERGAMO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO

(24128) l.go Barozzi, 1 - Tel. 0352691111 - Fax 035266189

Indice di reputazione: 22,1 - Voto: 8,39

UDINE

AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE S. MARIA DELLA MISERICORDIA

(33100) p.le Santa Maria della Misericordia, 5 - Tel. 04325521 - Fax 0432552700

Indice di reputazione: 22,0 - Voto: 8,33

BARI

AZIENDA OSPEDALIERA POLICLINICO CONSORZIALE

(70124) p.zza Giulio Cesare, 11 - Tel. 0805591111

Indice di reputazione: 21,2 - Voto: 8,06

LECCE

AZIENDA OSPEDALIERA VITO FAZZI

(73100) p.zza Filippo Muratore - Tel. 0832661111 - Fax 0832661446

Indice di reputazione: 21,2 - Voto: 8,28

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
14
Commenti
TUTTI
PIÙ POPOLARI
Loading...
Loading...
Nessun commento inserito
  • Per commentare gli articoli devi essere iscritto a panorama.it
  • Puoi farlo anche utilizzando il tuo account facebook