Imu, ora aliquote base. La stangata è rinviata a dicembre

Imu, ora aliquote base. La stangata è rinviata a dicembre Imu, ora aliquote base. La stangata è rinviata a dicembre
di Ilaria Molinari

Tutto rimandato a dicembre. O meglio. La stangata sull'Imu è rinviata al 16 dicembre quando saremo chiamati tutti a pagare la rata del saldo dell'Imposta municipale unica che da quest'anno sostituisce l'Ici e viene estesa anche alla prima casa. Dopo l'allarme lanciato domenica dai Caf (Centri assistenza fiscale) che denunciavano il fatto che solo il 6% degi Comuni aveva dichiarato l'aliquota da applicare per il calcolo dell'imposta (l'acconto scade il 16 giugno), il Govero ha deciso: la rata di acconto si pagherà sulle aliquote base. Il resto a dicembre.

Ai Comuni infatti, il decreto Salva-Italia ha lasciato la possibilità di decidere per le aliquote da applicare alla rendita catastale, con un'oscillazione del 2 per mille in rialzo o in ribasso sull'aliquota base del 4 per mille per la prima casa e del 3 per mille in rialzo o in ribasso sull'aliquota base del 7,6 per mille per le seconde case e gli altri immobili.

Ma la stragrande maggior parte degli Enti locali ancora non ha deciso. Ecco quindi l'allarme dei Caf e la decisione del Governo: la prima rata verrà calcolata applicando le aliquote di base con le detrazioni previste (franchigia di 200 euro sulla prima casa; 50 euro per ogni figlio under 26 fino a un massimo di 400 euro), se i Comuni non hanno deliberato l’aliquota. Se lo hanno fatto, invece, il calcolo andrà fatto da subito in forma definitiva.

COME CALCOLARE l'IMU

La stangata più corposa dell'Imu, quindi, è rinviata a fine anno, quando i Comuni avranno di certo alzato le aliquote base . L'Imu infatti, è per loro il modo più sicuro e veloce per fare cassa . E di certo non si faranno sfuggire l'occasione.

  • ©RIPRODUZIONE RISERVATA