La Cina contro il porno

Una squadra (senza peccato) deciderà cosa è erotico e cosa no

La Cina contro il porno La Cina contro il porno
Retata anti-prostitute a Shenzhen (Credits: China Photos/Getty Images)

di Claudia Astarita

Il mercato della pornografia è enorme: secondo le ultime statistiche disponibili, ogni secondo, nel mondo, vengono spesi circa tremila euro per l'acquisto di materiale pornografico. E con la maggior disponibilità di reddito, anche in questo settore è la Cina a farla da padrone. Tanto da aver costretto il regime a selezionare tra le forze dell'ordine un corpo ultraselezionato cui è stato affidato un compito delicatissimo: quello di trascorrere le giornate a visionare i materiali sequestrati...senza cedere alla tentazione di "farseli piacere".

Da qualche tempo la Repubblica popolare rappresenta il principale mercato del settore, e produce ricavi equivalenti a circa trenta miliardi di euro ogni anno. Del resto, la pornografia è una mania per tutta l'Asia: dopo la Cina, i mercati più importanti sono quelli della Corea del Sud e del Giappone .

Una simile diffusione della pornografia cozza però con la morale ufficiale, che rifugge dall'esibizione della sessualità e che spesso è sposata in toto dalle autorità, sebbene le classi dirigenti non siano sovente in grado di dare il buon esempio. È un fenomeno che proprio in Cina ha prodotto risultati paradossali.

Fra questi, l'ultimo è anche l'oggetto delle chiacchiere (e delle risate) dei numerosi internauti d'Oriente: si tratta di una notizia che arriva da Peixian, città che raramente sale agli onori delle cronache, se non per gli incidenti che periodicamente affliggono le miniere di carbone che la circondano. Pare, infatti, che la polizia di Peixian si sia dotata di un ufficio specializzato nell'attribuzione della qualifica di "pornografico" al materiale video che viene sequestrato. In pratica, questo selezionato corpo di agenti ha il compito di visionare ore e ore di filmati e di decidere se siano erotici o meno.

Un lavoro particolare, che secondo le autorità cinesi potrebbe corrompere lo spirito dei poliziotti: per questo, vengono selezionati anche in base alla loro rettitudine morale. Del resto, una leggenda narra che Peixian abbia datgo i natali al primo imperatore della dinastia Han, Gao Zu, noto per il carattere inflessibile che gli derivava dalle origini contadine. Solo nell'ultima campagna anti-corruzione (degli animi) a Peixian sono state arrestate venticinque perone, chiusi una ventina di negozi sospetti e sequestrati quarantamila DVD. Che la squadra speciale anti-porno è già impegnata a guardare con la massima attenzione, scena dopo scena, senza concedersi nemmeno una pausa...

L'operazione è funzionale alle periodiche campagne "anti-giallo" (da quelle parti, per "gialli" non si intendono i racconti di commissari di polizia in stile Montalbano, ma avventure di tutt'altro genere). Si tratta di operazioni finalizzate da un lato a colpire la criminalità organizzata che produce e smercia materiali pornografici e, dall'altro, a ripristinare il rigore morale della cittadinanza.

È facile immaginare che l'unità di polizia incaricata di controllare che tutti fossero a luci rosse abbia avuto il suo bel daffare: pare che per guardarli tutti, i quattro agenti incaricati abbiano impiegato un mese. Non sappiamo però se dopo ore e ore trascorse a visionare acrobazie erotiche di ogni genere la loro moralità sia stata intaccata. Ma quel che è certo è che tutti i filmati in questione verranno presto etichettati come "non adatti a essere rimessi sul mercato". Per evitare che i paladini della lotta alla pornografia possano essere accusati di aver "ceduto alle tentazioni" giudicando come porno-soft immagini che per il Partito non lo sono. Nel terrore di finire, nel regno delle contraddizioni, con l'essere costretti alla rieducazione forzata.

In Cina, è bene ricordarlo, il tabù del bacio è stato (ufficialmente) rotto da poco, ma karaoke e locali di intrattenimento di ogni genere non sono solo i più affollati del mondo, ma anche frequentatissimi dalle autorità...

  • ©RIPRODUZIONE RISERVATA