Calcioscommesse: quei sospetti su Bari - Sampdoria

Calcioscommesse: quei sospetti su Bari - Sampdoria

di Redazione
Calcioscommesse
Foto di Donato Fasano - LaPresse23 04  2011  Bari ( Italia )sportcalcioAS Bari - Sampdoria - Serie A Tim 2010-2011 - Stadio San Nicola di Barinella foto : pozzi golPhoto Donato Fasano - LaPresse23 04  2011  Bari ( Italy )Sport SoccerAS Bari - Sampdoria  Serie  A Soccer League 2010 2011- San Nicola Stadium BariIn the Photo: pozzi goal

di Gianluca Ferraris

C’è almeno una partita, tra quelle sulle quali stanno indagando, da prospettive opposte (ma con sempre maggiori punti di contatto) le procure di Cremona e Bari, che già prima di essere giocata aveva sollevato dubbi, curiosità e perplessità tra gli addetti ai lavori e tra i semplici tifosi.

Si tratta di Bari-Sampdoria, giocata al San Nicola il pomeriggio del 23 aprile 2011 e terminata con la vittoria della squadra blucerchiata per uno a zero grazie a un discusso calcio di rigore. Al termine della gara i baresi retrocessero aritmeticamente in serie B, ma anche alla Samp il successo non servì, visto che li avrebbe seguiti poche domeniche dopo.

Quel match di fine stagione è uno degli otto a rischio combine che avrebbero avuto per protagonista la squadra pugliese da metà campionato in avanti. Uno di quelli su cui Andrea Masiello, tesserato lo scorso anno con i biancorossi, avrebbe fatto ammissioni importanti sia davanti ai magistrati di Cremona che a quelli di Bari al lavoro su in’inchiesta per riciclaggio.

Ammesso e non concesso che fosse davvero truccata, c’è da rilevare come (a differenza delle altre citate nella deposizione di Masiello e destinate a finire anche nel fascicolo dell’inchiesta sportiva Figc) su quella partita già alla vigilia si concentrassero segnali quantomeno strani.

Pochi giorni prima della trasferta barese, per esempio, la Sampdoria, in caduta libera da settimane, fu duramente contestata dai tifosi. Chi era presente a Bogliasco, sede del campo di allenamento blucerchiato, ricorda che la furia si placò soltanto quando uno dei calciatori più rappresentativi della squadra avvicinò gli ultrà, assicurando loro che «per Bari è tutto a posto». Coincidenza? Tentativo di sottrarsi all’ira della folla? Probabilmente sì. Di certo comunque non si tratta dell’unica circostanza chiacchierata relativa a quei giorni.

Le altre le aveva messe in fila, a partire dal giorno precedente l’incontro, il sito quotescommessecalcio.com, di cui vedete riprodotte due schermate. Nella prima, relativa ai consigli sulle partite, si segnala l’«anomalia» relativa a Bari-Sampdoria, partita sulla quale anche diversi bookmakers avevano messo il freno alle quote, pur senza eliminarla dai palinsesti.

«A prescindere da come andranno effettivamente le cose è evidente che anche in questa giornata ci siano forti anomalie nel calcio italiano», concludeva la rubrica.

schermata-2012-01-25-a-142735

Il giorno dopo, a poche ore dal calcio d’inzio, i responsabili del sito ci vanno giù ancora più duri: «Su questa partita non s’ha da scommettere». A insospettire sono le quote altissime su 1 e X (entrambi a 4,5) e quella, relativamente bassa (1,35) sul successo della Sampdoria. «Qualcuno potrebbe dire che il Bari ormai non può più lottare per la salvezza, ed è quello che magari qualcuno vorrebbe indurre, ma i numeri parlano chiaro, nelle ultime giornate il Bari è riuscito a pareggiare a San Siro 1-1, a vincere a Parma e pareggiare in casa contro il Catania che lotta per la salvezza. Perché dovrebbe trattare diversamente la Sampdoria?» Già, perché? Il sito si limita a scrivere
pronostico a rischio, invitiamo a non scommetterci».

Secondo quanto risulta a Panorama.it, a quella partita erano comunque presenti due membri dell’Ufficio indagini della Figc, allertati dalle segnalazioni giunte da alcuni operatori delle scommesse e relative a volumi di gioco molto alti (anche se non necessariamente anomali) per una gara di bassa classifica. L’incontro venne comunque licenziato come regolare. Fino a quando Masiello non lo ha tirato di nuovo in ballo.

Leggi anche

  • ©RIPRODUZIONE RISERVATA